A CASA DI HUMUS

CORSI, APPUNTAMENTI, CONSIGLI

aperitivo vegetariano roma monti

30 mag Summer Food Experience a Roma: aperitivo vegetariano il 12 giugno al Detour a Monti

Torniamo a Roma con il nostro Food Experience in versione balneare! Siete pronti per la nuova avventura capitolina? Sbarcheremo in infradito brandendo scodelle ricolme di gustose prelibatezze, preparate solo con materie prime di stagione e a chilometro zero.

Aperitivo vegetariano a Monti (Roma) domenica 12 giugno 2016

Non prendete impegni per domenica 12 giugno: alle 19.30 vi aspettiamo al Detour, in via Urbana 107, nel cuore di uno dei quartieri più belli e giovani della città per dare il benvenuto all’estate con i nostri piatti balneari e salutari!

Summer Food Experience: aperitivo e giochi a Roma

Il nostro sarà un laboratorio creativo di cucina crudista e balneare: tra le poltroncine rosse della sala cinematografica del Detour, gli sgabelli anni ’60 e le radio vintage ci divideremo in due squadre pronte a sfidarsi senza esclusione di colpi tra giochi, lezioni interattive e un delizioso premio finale. Come sempre parleremo di cibo, giocheremo con le materie prime e, grazie ai suggerimenti dello chef, impareremo ad abbinare gli ingredienti di stagione in maniera divertente e creativa.

Tutte le materie prime utilizzate nella preparazione dell’apericena provengono da orti campani della provincia di Salerno: limone di Amalfi, pomodorini di Corbara, olio evo del Cilento… e saranno accompagnati da un calice di vino bio laziale. Ci sarà anche il tempo per condividere la nostra filosofia: confrontare visioni differenti, prendere il meglio da ogni scuola di pensiero – macrobiotica, cucina vegetariana e vegana, dieta mediterranea e alimentazione ayurvedica-, innovare le tradizioni del nostro territorio con le più moderne tecniche.

Apericena con giochi interattivi a Monti, Roma

Vi aspettiamo al Detour, in via Urbana 107, rione Monti, Roma domenica 12 giugno dalle 19.30 alle 22.30 per un aperitivo alternativo, pieno di momenti di puro divertimento! Per partecipare è necessaria la prenotazione.
Per info e prenotazioni: Fiorella De Nicola, 333 26 42 875 e info@humusnaturadichef.it
Iscrizioni: Detour, via Urbana 107, da martedì 7 giugno a sabato 11 giugno, ore 19.00/21.00http://www.cinedetour.it/.

Read More
Maschera d'argilla home made

03 mag Corso di cosmetica naturale: aloe e argilla, ideali per la cura del corpo. Il 15 maggio

Domenica 15 maggio scopriremo come trarre beneficio da due componenti di spicco per la bellezza e la salute della pelle e in generale di tutto il corpo: aloe e argilla. Questi due elementi saranno i protagonisti del nostro Corso di cosmetica naturale.

Corso di cosmetica naturale a Salerno: le ricette per l’autoproduzione con aloe e argilla

In questo nuovo Laboratorio di Cosmesi Naturale conosceremo le proprietà e gli utilizzi di aloe e argilla e realizzeremo prodotti per viso, corpo e capelli. Inoltre saranno illustrate alcune pratiche igienistiche per le quali è fondamentale l’uso dell’argilla. Come sempre ai partecipanti verrà consegnata una dispensa contenente le informazioni del corso e i prodotti realizzati insieme.

Grazie alla nostra serie di lezioni impareremo a prenderci cura di noi in maniera più consapevole e sana.

Cosmetici autoprodotti: delicati e rispettosi dell’ambiente

Dopo aver utilizzato le erbe spontanee del nostro territorio, andiamo alla scoperta di una potentissima pianta come l’aloe e impariamo a lavorare l’argilla per preparare creme ed unguenti naturali.

Con queste materie prime affronteremo la parte pratica del corso, che si divide in due momenti: una teorica per acquisire le informazioni base sulla preparazione e la composizione dei cosmetici e una pratica in cui daremo sfogo a creatività e manualità, partendo da questi due ingredienti di base per dar vita ai nostri cosmetici autoprodotti. Grazie alle nostre lezioni riusciremo ad avere un alleato in più per un consumo consapevole dei prodotti che troviamo al supermercato per la cura della persona e dell’ambiente domestico e, con un po’ di pratica, ci impadroniremo delle basi per l’autoproduzione di prodotti eco-compatibili, economici e salutari.

Lezioni di cosmetica naturale a Humus, Cava de’ Tirreni, Salerno

Ti aspettiamo domenica 15 maggio alle 17.00 presso la sede di Humus – Natura di Chef in corso Umberto I, 293 (Cava de’ Tirreni, Salerno) per il  Corso di cosmetica naturale. Per avere maggiori informazioni e prenotare puoi inviare un messaggio privato a Humus su Facebook o scrivere a fiore@humusnaturadichef.it – tel.: 328 9234232.

Read More
humus a salerno per città del benessere

29 apr Spazio Humus dedicato alla cucina per Città del benessere a Salerno

E’ con immenso piacere che torniamo a Salerno per Città del benessere dopo la bella esperienza dell’anno scorso. Da venerdì 6 a domenica 8 maggio lo spazio HUMUS sarà il cuore pulsante della manifestazione con un percorso ricco di invitanti proposte per la prima colazione, lo spuntino, il pranzo, l’aperitivo e la cena. Con le nostre preparazioni a base di prodotti di stagione e materie prime del territorio trasmetteremo la nostra filosofia a tutti gli appassionati di buona cucina. Vi aspettiamo per condividere con voi il gusto della scoperta: con quali ingredienti madre natura ci coccola durante la primavera? Dominerà il verde squillante di fave, piselli e asparagi? Ci inventeremo l’ennesimo utilizzo non convenzionale dello sfusato di Amalfi? Riusciremo a stupirvi con le nocciole di Giffoni e con le farine integrali del Cilento?

Città del benessere a Salerno il 6, 7 e 8 maggio 2016: appuntamento con la buona cucina

Il Buon Mangiare e la sana Alimentazione sono fondamentali per il nostro benessere psicofisico e nel corso della manifestazione desideriamo trasmettere elementi di conoscenza e consapevolezza alimentare e al tempo stesso promuovere una cultura di alimentazione rispettosa della Natura, attenta alla produzione del territorio e strumento di rafforzamento dei legami sociali. Per approfondire questi temi sabato 7 maggio, alle ore 18.00, HUMUS presentarà il Laboratorio di Cucina Naturale creativa “ASSAGGIA LA NATURA”.

Vi aspettiamo a Salerno, in piazza Cavour, sul lungomare Trieste venerdì 6 maggio a partire dalle 16.00 e sabato 7 e domenica 8 dalle 10 del mattino.

Per maggiori informazioni sulla manifestazione: http://www.cittadelbenessere.it/.

 

Read More
corporate

06 apr Convocazione assemblea dei soci di Humus

AVVISO DI CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA DEI SOCI 2016

Cava de’ Tirreni, 6 aprile 2016

A tutti i Soci

E’ convocata l’Assemblea Generale dei Soci di Humus – Alimentazione, Benessere, Spiritualità, per il giorno 16 aprile 2016 alle ore 16:00 in prima convocazione e, qualora non fossero raggiunte le prescritte maggioranze, in seconda convocazione per il giorno

SABATO 16 aprile 2016
alle ore 17:00
presso la sede dell’associazione
Corso Umberto I, 293 – Cava de’ Tirreni (Salerno)

in seduta ordinaria per discutere e deliberare sul seguente Ordine del Giorno:

1) Approvazione del bilancio consuntivo esercizio 2015;
2) Progetti per il 2016.

I soci che non potranno partecipare in proprio all’Assemblea sono pregati di sottoscrivere una delega a nome di un altro socio che presenzierà.

Il presidente
Fioravante De Nicola

 

Read More
Il fiume vicino a Ponte Vecchio. In viaggio con Humus a Firenze

01 apr Dal Giappone a Firenze: in viaggio con Humus sulla riva di due fiumi

“La mia casa è il mare e con un fiume non la posso cambiare” cantava Ivan Graziani con la sua vocina sottile in “Firenze (canzone triste)“.
Anche noi arriviamo dal mare ma per un fine settimana lo scambiamo volentieri con un Arno stranamente placido, sovrastato da un cielo basso e grigio: nemmeno qui è arrivato il freddo inverno e una tenue pioggerellina ci fornisce la scusa giusta per passare più tempo a tavola.

A Firenze faremo tappa quest’estate con la brigata di Humus e sondiamo il terreno per la trasferta.

Venerdì si mangia sardo a casa di Franco sotto lo sguardo incuriosito dei pesci colorati dell’acquario e in mezzo a una collezione di macchinette per il caffè da far invidia a qualsiasi napoletano.

Sabato giro in centro: dietro la sinagoga c’è l’appartamento che Marco ha trasformato in meno di un anno da deposito a confortevole open space. Le sculture in legno, pietra e marmo le scolpisce direttamente sul materiale grezzo, senza studi o disegni preparatori. La cucina e il bagno li ha incastonati sotto il vecchio arco e ha usato la resina per modellare e dar vita alle superfici. Gli armadi e il tavolo sono stati ricavati da pezzi di scarto destinati al macero e le pareti sono fitte di quadri e foto. Il letto ha una parete di libri a far da spalliera e tutto è talmente curato che sembra di stare dentro una rivista di design. A lato c’è un altro locale che Marco sta sistemando e già dalla piccola finestra che si apre sul tetto si intuisce che alla fine sarà bello quanto il primo o, forse, di più.

 

Di sera siamo ospiti di Tomomi e Simone: Tomomi è partita da Osaka nel 1996 per studiare a Firenze. Qui ha conosciuto Simone, si sono innamorati e stanno insieme da quasi vent’anni. A casa ci accolgono due gatti o, per meglio dire, scappano a nascondersi sotto le coperte. Per cena Tomomi ci prepara uno squisito menu di piatti giapponesi: miso, cavolo cinese, riso…. La vera cucina giapponese che raramente troviamo nei ristoranti italiani che somministrano la cucina del Sol Levante.

Ne approfittiamo per fare qualche domanda a Tomomi sulla cucina, sull’Italia e sul Giappone:

Sul far della sera e con la pioggia che ci accompagna ripartiamo costeggiando l’Arno, immaginando i fiumi che attraversano l’isola nipponica e riprendendo la strada verso il mare con la promessa di tornare presto a Firenze.

Read More
mele annurche campania humus

17 mar Le mele annurche sono rosse o sono verdi?

Quando ero piccola la parte più fresca della casa, di solito la soffitta, non ospitava vecchi elettrodomestici o scatoloni con i vestiti in attesa del cambio di stagione ma era il luogo destinato alle provviste. Ogni famiglia faceva scorta almeno di due alimenti considerati indispensabili: patate e mele.

Le scorte in soffitta: un tappeto di mele

Le patate stavano in grossi sacchi di iuta, al buio, mentre le mele occupavano il pavimento in tutta la sua estensione. Venivano dagli alberi del cortile e chi non ne aveva riusciva a recuperarle quasi sempre col baratto da un familiare più o meno lontano. Noi non abbiamo mai avuto alberi di mele ma ogni anno qualcuno – credo il nonno – arrivava con le cassette piene di mele annurche da sistemare in soffitta.

La mela annurca: ricordi dalla Campania Felix

Le mele, almeno in Campania e finché io ero piccola, sono sempre state solo e soltanto annurche. Il famoso chilometro zero. La mela era fondamentale in inverno quando la frutta di stagione scarseggiava ed era l’alimento principale dello svezzamento. Ai bambini si dava la mela annurca grattugiata al momento su una grattugia in vetro che tratteneva succo e polpa. Anche quando a casa è arrivato l’omogeneizzatore (gli omogeneizzati per motivi ideologici continuano a non essere ammessi) la mela continuava a conoscere solo la vecchia grattugia in vetro. Le mele che il nonno portava a casa non erano ancora buone da mangiare: venivano raccolte ancora acerbe per poter resistere fino al raccolto successivo e dunque arrivavano che erano verdi. Noi bambini avevamo il compito di stenderle in soffitta, tutte vicine ma che non si toccassero, e sempre a noi era riservato il compito di girarle a testa in giù: infatti dopo pochi mesi passati in soffitta la parte superiore delle mele diventava rossa mentre quella inferiore rimaneva verde. Bisognava girarle mettendo la parte verde in alto in modo che maturasse anche quella.

I giochi dei bambini di una volta

Noi bimbi ci infilavamo tra un filare e l’altro per capovolgere le mele una ad una. Era difficile e divertente: difficile perché non potevi saltarne neanche una – i grandi erano lì a controllare – divertente perché vedevi questo tappeto rosso passare gradualmente al verde per poi virare giorno dopo giorno di nuovo al rosso. Gli adulti ci lasciavano fare perché noi non facevamo alcuna fatica a stare curvi e in bilico sulle mele e poi c’era una ragione di ordine pratico: avevamo dita più corte e leggere e difficilmente avremmo fatto pressione sufficiente ad annerire le mele quando le stringevamo per girarle. Oggi quando le trovo al mercato le compro sempre perché per me esistono ancora solo le mele annurche non perché quelle del nord non siano buone ma mi basta sentire “annurche” per girarle a testa in giù nella mia mente.

Read More
riso rosso di primavera

15 mar MindFood Experience: come mangiar bene giocando con i sensi. Edizione del 18 marzo 2016

L’appuntamento con il primo MindFood Experience  è per venerdì 18 marzo. La nostra formula cambia e prende la forma di un’esperienza ancor più profonda e divertente allo stesso tempo.

Aperitivo alternativo con due nutrizionisti

In questo evento oltre ad assaggiare le nostre pietanze sane e gustose avremo la possibilità di fare un’esperienza MINDFULNESS, accompagnati da Viviana Valtucci e Mario Russo, due nutrizionisti di matrice cognitivo-comportamentale, che insieme a noi da anni cercano risposte profonde alle domande più disparate riguardanti l’alimentazione.

Laureati in Dietistica e nutrizione umana presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II, esperti in alimentazione, dietetica, nutrizione ed educazione alimentare, presidente e vicepresidente dell’Associazione ADEPO – Associazione di Dietetica E Psicologia per l’Obesità e il sovrappeso, Viviana e Mario ci dimostreranno quanto poco conosciamo del nostro modo di avvicinare il cibo, dandoci la possibilità, in poco tempo, di entrare nelle emozioni, nei pensieri e nei ricordi che leghiamo inconsapevolmente ad alcuni ingredienti specifici.
Spesso si crede che esista un solo tipo di fame: quella dello stomaco. In realtà la fame dello stomaco non è l’unica fame che possiamo provare e la bocca non è l’unico strumento che abbiamo a disposizione per assaporare il cibo. In questo incontro sperimenteremo in maniera coinvolgente l’utilizzo di tutti i nostri sensi per un’esperienza con il cibo più piena e consapevole.

Aperitivo vegetariano e consapevole a Cava de’ Tirreni, Salerno

Mindfulness (piena consapevolezza) significa prestare attenzione alla nostra esperienza del momento presente, in modo da essere pienamente consapevoli di ciò che accade in noi, nel nostro corpo, nella nostra mente e nel nostro cuore, coltivando una forma di consapevolezza libera da critica o giudizio e un atteggiamento di curiosità e apertura.
È possibile essere mindful, cioè consapevoli e presenti, prestando attenzione a qualsiasi aspetto della nostra esperienza attraverso i nostri cinque sensi, i pensieri e le emozioni.

Quando il cibo viene trattato con le cure e le attenzioni che merita riesce ad essere nutrimento per il corpo e per lo spirito, strumento di aggregazione e momento di condivisione con gli altri, testimone dell’energia della terra e semplice pretesto per tornare a giocare rimanendo per un lungo istante tutti bambini.

Scopriremo ancora più a fondo non solo nuovi piatti e preparazioni ma anche quanto siamo consapevoli di quel che mangiamo e di come interagiamo con la nostra abitudine più quotidiana.

Vi aspettiamo a partire dalle 20.30 di venerdì 18 marzo presso la sede di Humus – Natura di Chef in corso Umberto I, 293 (Cava de’ Tirreni, Salerno) per un aperitivo alternativo, pieno di momenti di puro divertimento!


Per partecipare è preferibile prenotarsi contattandoci in privato, via e-mail (fiore@humusnaturadichef.it ) o facebook o chiamando Fiore De Nicola al num: 328 92 34 232.

Read More
intervista chef davide mazza niko romito formazione

27 gen A scuola dallo chef: intervista a Davide Mazza di Niko Romito Formazione

Inauguriamo con il viaggio a Castel di Sangro alla Niko Romito Formazione un nuovo capitolo di Humus. Vogliamo muoverci per esplorare mondi che sentiamo affini per comunione d’intenti, modi di sentire, intuizioni.

Cucina, territorio, cultura: alla scoperta dell’Italia che ci piace

Punteremo l’obiettivo sul mondo dell’alimentazione, sulle associazioni che con coraggio si prendono cura dell’ambiente e degli altri, su chi viene da lontano e ci guarda con occhi differenti, su chi insegna più con l’esempio che con la disciplina, su chi abbiamo scoperto per un caso non fortuito qui vicino a noi…
Sarà l’occasione per continuare a crescere andando a scovare il terreno più fertile dove continua a germogliare l’Italia che ci piace.

Viaggio a Castel di Sangro: la scuola Niko Romito Formazione

La prima partenza in realtà è un ritorno al luogo – fisico e metafisico – dove ha iniziato a prender forma il nostro progetto: la scuola Niko Romito Formazione a Castel di Sangro. Qui Fiore ha seguito nel 2013 la terza edizione del Corso di cucina italiana professionale e ha fatto parte della brigata che ha inaugurato il primo Spazio a Rivisondoli.
Degli insegnamenti della scuola, del rapporto tra allievi e maestri, della natura e delle sue meraviglie abbiamo parlato con Davide Mazza, generoso insegnante che ci mette l’anima per forgiare il carattere, tirar fuori il talento e suggerire il percorso più adatto a ogni allievo per la vita adulta, personale prima ancora che professionale. Abbiamo chiacchierato anche con Alessandro De Stefanis che segue gli allievi di Niko Romito Formazione ed è il responsabile di Spazio a Rivisondoli.
Torneremo presto a confrontarci con chi considera la cucina e la scuola una palestra di vita, forse già in primavera per assistere al risveglio della natura quando la neve si scioglierà.

 Le immagini della nostra giornata al Reale di Castel di Sangro


 Intervista a Davide Mazza.

Domanda #1: Come hai iniziato? Perché hai deciso di fare lo chef?

“L’ho scelto da piccolo… sono cresciuto in quest’ambiente di grembiuli bianchi stesi al sole”

 

Domanda #2: Che cosa ti piace del tuo lavoro?

“Del mio lavoro mi piace tutto”

 

Domanda #3: Preferisci cucinare o insegnare?

“Il mio compito è quello di tirare fuori il carattere giusto per fare questo mestiere”

 

Domanda #4: Pensi che mangiar bene sia un diritto di tutti?

“Io penso che mangiare bene sia un dovere non un diritto”

 

Domanda #5: Trovi che sia difficile e costoso seguire una sana alimentazione con ingredienti di qualità?

“Vale la pena investire in prodotti di qualità e mangiare il giusto”

 

Domanda #6: La grande distribuzione ha migliorato o peggiorato il nostro rapporto con il cibo?

“Ha peggiorato di tanto il nostro rapporto con il cibo”

 

Domanda #7: La qualità più importante che secondo te deve avere uno chef

“L’umiltà e saper condividere con gli altri… il coraggio”

 

Domanda #8: Che cosa consigli a un giovane chef?

“Consiglio di tornare alle cotture di una volta… e di applicare le nuove tecnologie ricercando il gusto delle cose”

 

Domanda #9: Qual è la cosa più bella che hai fatto nel tuo lavoro? E nella tua vita?

“La cosa più bella che ho fatto nella mia vita è stata mio figlio”

 

Intervista a Alessandro De Stefanis

 

Read More